#toromewithlove

Eccomi, sono qui a scrivervi dalla mia accoglientissima stanza d’albergo romana. In una sola giornata di permanenza ho avuto la possibilità di scattare moltissime foto “effetto polaroid” con il mio iPhone, cercando di sfruttare al massimo l’infinita durata della batteria. Okay, era una pessima battuta. Il 100% mi dura mezz’ora e l’1% millenni, vi prego, ditemi…perché?!

Poche fotografie, ma buone a mio parere. Ormai son convinto del fatto che la qualità abbia quasi sempre la meglio sulla quantità e questa volta mi sento davvero qualitativamente preparato. Modestia a parte, vi mostro attraverso queste foto quelli che sono i luoghi più conosciuti della Capitale, come ben vedete sottoposti ad una mia personale reinterpretazione. Cosa ne pensate? Adorate Roma?

Io mentre cammino immagino musiche nella mia testa e quasi quasi mi sento nel semi-recente film di Woody Allen. Capita anche a voi di immaginarvi musiche in testa mentre camminate, anche senza aver fatto uso di sostanze stupefacenti? A me sempre, spero solo che non sia uno dei primi sintomi di una incontrollabile e incurabile pazzia. Adesso miei cari vi lascio, il mio tenero e morbido materasso mi desidera più di ogni altra cosa al mondo.

Sempre con amore, Donny.

20140202-011800.jpg

20140202-011836.jpg

20140202-011853.jpg

20140202-011905.jpg

20140202-011915.jpg

20140202-011924.jpg

20140202-011939.jpg

20140202-011947.jpg

20140202-011956.jpg

20140202-012005.jpg

20140202-012013.jpg

20140202-012025.jpg

20140202-012033.jpg

7 Comments

on “#toromewithlove
7 Comments on “#toromewithlove
  1. Bellissime foto, alcune le definirei artistiche, mi piace in particolare l’ultima.
    Adorare Roma? Ci vivo, per cui la amo e la odio, quando parto mi manca, quando torno vorrei andarmene. Penso sia così un po’ per tutti quelli che vivono ogni giorno in mezzo a traffico, buche, metro allagate, sanpietrini disconnessi. E tramonti da favola, vicoli d’altri tempi, il profumo del pane e dei dolci appena sfornati che ti insegue, i reperti archeologici imprigionati nelle epoche successive.
    E sì, quando cammino ho sempre una colonna sonora in testa, impossibile non averne in una città che ti sorprende appena volti l’angolo e il sole squarcia le nubi proprio in quell’istante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *